Questo sito utilizza cookie anche di terze parti tecnici, di profilazione e di marketing, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più Cookie Policy. Per visionare l'informativa completa relativa al trattamento dei dati CLICCA QUI Per Continuare la navigazione devi acconsentire all'utilizzo dei cookie.
Speciale Casa

Studiare la forma della doccia per gestire meglio gli spazi

foto
 

Sempre più spesso risulta necessario effettuare uno studio volto alla razionalizzazione degli spazi nelle proprie abitazioni con l´obiettivo di sfruttare al massimo lo spazio a disposizione. Tale discorso lo si può fare per tutti gli ambienti della casa compreso il bagno.
In quest´articolo andremo ad analizzare le forme e le posizioni della doccia per ottimizzare la gestione dello spazio.
Ipotizziamo per semplicità un´ambiente regolare di forma rettangolare. Generalmente per ottimizzare gli spazi si è soliti posizionare il piatto doccia nell´angolo formato da due pareti. Situazione percorribile se la scelta non è preclusa dal rispettivo posizionamento di porte e finestre.
Avendo a disposizione un angolo della stanza si potrebbero scegliere diverse soluzioni in funzione dello spazio e della comodità interna del vano doccia. Infatti si può passare dalla doccia semicircolare, caratterizzata da un ingombro minimo e da uno spazio doccia limitato a soluzioni in cui si aumenta l´ingombro e proporzionalmente aumenta anche lo spazio interno disponibile come ad esempio il piatto con angolo smussato fino ad arrivare alla soluzione di forma quadrata che a parità di lato risulta essere la configurazione con maggiore spazio interno e maggiore occupazione della stanza.
Si consiglia che procedendo a un analisi di questo tipo il parametro principale da prendere in considerazione è quello legato alla comodità e alla praticità di utilizzo e pulizia. A riguardo diventa importante anche la scelta della tipologia di montaggio a risalto rispetto al pavimento o a filo la seconda soluzione oltre a rappresentare un valore aggiunto dal punto di vista estetico soprattutto in ambienti con arredi moderni risulta essere inoltre priva di inciampi. Sempre relativamente alla forma è necessario verificare il relativo box doccia che oltre alle varie caratteristiche di praticità e sicurezza dev´essere semplice da pulire, per cui oltre alla pulizia delle diverse parti in vetro o plexiglass è consigliato verificare la struttura e il numero di interstizi che potrebbero rendere complicata la pulizia ordinaria.
Fino a questo momento si è parlato di piatti con forme regolari, non entreremo nel dettaglio della miriade di forme irregolari che si trovano in commercio e che potrebbero rappresentare una soluzione ottimale in funzione del proprio bagno, ma concluderemo l´articolo ipotizzando di dover utilizzare una doccia rettangolare e putroppo di non avere gli spazi tecnici necessari per posizionarla in un angolo del bagno. In questo caso ci sono diverse soluzioni che si possono attuare. La prima e la più immediata è quella di avere una doccia con box su tre lati, soluzione molto valida esteticamente, si raccomanda di valutare bene le distanze con le pareti e con gli altri arredi in modo da non creare situazioni di difficile gestione soprattutto dal punto di vista delle pulizie ordinarie. Altra soluzione potrebbe essere quella di realizzare in uno dei due lati corti della doccia, qualora gli spazi e l´estetica lo permettano, una parete in muratura in modo da poterla utilizzare magari per posizionare gli appendi asciugamani o il riscalda salviette. Come si evince dall´articolo sono varie le alternative che si possono adottare ragion per cui è sempre meglio effettuare uno studio accurato evidenziano i vantaggi e gli svantaggi di ogni soluzione magari chiedendo aiuto al vostro progettista di fiducia.

 

 

In Evidenza