Questo sito utilizza cookie anche di terze parti tecnici, di profilazione e di marketing, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più Cookie Policy. Per visionare l'informativa completa relativa al trattamento dei dati CLICCA QUI Per Continuare la navigazione devi acconsentire all'utilizzo dei cookie.

Scoprire la Sardegna.NET

By SARDINIA PORTAL WWW.SARDINIAPORTAL.COM
Carattere

Orgosolo

Orgosolo è un grosso centro della provincia di Nuoro, nella Sardegna centrale, posto a poco più di 600 metri d’altitudine alle pendici dell’imponente altopiano del Supramonte, nel cuore della Barbagia di Ollolai. Confina con i territori di Nuoro, Mamoiada, Oliena, Fonni, Dorgali, Urzulei, Baunei e Villagrande Strisaili. Si trova in un territorio ancora selvaggio e incontaminato particolarmente ricco e interessante da un punto di vista naturalistico. Oltre alle numerose sorgenti e alla rigogliosa macchia mediterranea vi si trovano immensi e folti boschi di lecci, querce, ginepri, tassi e specie endemiche di grande bellezza. Alle ampie zone boschive si contrappongono aspri paesaggi caratterizzati da vette calcaree, dirupi scoscesi, spelonche e suggestivi laghetti. La fauna è costituita per lo più da mufloni, gatti selvatici, volpi, astori, falchi e rari esemplari di aquila reale. Orgosolo che può vantare un bellissimo e caratteristico centro storico con graziose case in granito, è comunque un paese moderno, contraddistinto da un forte impegno artistico e culturale. È infatti conosciuto per i suoi famosi e numerosissimi murales, che abbelliscono le case e le vie paesane e che lo rendono un vero museo all’aperto. La sua fama a livello internazionale è dovuta anche al canto a tenore, caratteristico e tipico canto corale e al suo variopinto e conosciuto costume tradizionale realizzato con la pregiata seta locale. Orgosolo è inoltre il paese natale della Beata Antonia Mesina, beatificata nel 1987.

Come arrivare a Orgosolo:

In auto: - da Cagliari si percorre la SS 131, si prosegue sulla SS 389 passando per Oristano sino ad arrivare a Nuoro; da qui si percorre la SP 58 fino ad arrivare ad Orgosolo.
- da Sassari si percorre la SS 131 verso Nuoro, si procede poi sulla SP 597 passando per Ozieri e Benetutti sino ad arrivare a Nuoro; da qui si percorre la SP 58 fino ad arrivare ad Orgosolo.
- da Oristano si percorre la SS 131 passando per Paulilatino, Ghilarza, Sedilo e Ottana, entrando poi nella SS 389 che conduce a Nuoro; da qui si percorre la SP 58 fino ad arrivare ad Orgosolo.
- da Nuoro percorre la SP 58 fino ad arrivare ad Orgosolo.

La Storia:

Il territorio di Orgosolo fu frequentato già in età prenuragica, nuragica e fenicio-punica. Il paese durante il Medioevo fece parte prima della curatoria di Orotelli e poi di quella di Othan- Orotelli nel regno giudicale di Torres. Nel 1272 entrò a far parte del Regno di Arborea. Nel 1420 diventò un paese del Regno di Sardegna e venne concesso in feudo a Nicolò Turrigiti. Nel 1430 venne ceduto al marchese di Oristano Salvatore Cubello. Orgosolo passò poi a Leonardo de Alagon e dopo il sequestro a questi per fellonia, nel 1477 ne entrarono in possesso i Carroz. Nel 1479 il paese venne acquisito dai Maza de Liçana e dopo una lunga lite giudiziaria fu assegnato ai Portugal. Nel 1548 Orgosolo passò ai Silva fino al riscatto avvenuto nel 1838. Orgosolo appartiene alla Diocesi di Nuoro.

 

Multimedia

Vedi la Galleria Fotografica