Questo sito utilizza cookie anche di terze parti tecnici, di profilazione e di marketing, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più Cookie Policy. Per visionare l'informativa completa relativa al trattamento dei dati CLICCA QUI Per Continuare la navigazione devi acconsentire all'utilizzo dei cookie.

Scoprire la Sardegna.NET

By SARDINIA PORTAL WWW.SARDINIAPORTAL.COM
Carattere

Padria

Padria è un comune della provincia di Sassari, appartenente alla regione storica Logudoro-Meilogu, nalla parte centro-occidentale della Sardegna. Confina con i territori di Monteleone Rocca Doria, Villanova Monteleone, Bosa, Pozzomaggiore, Mara e Romana.
Il paese, circondato da tre caratteristici colli, si trova in un territorio particolarmente fertile e ricco di corsi d´acqua. Conserva un bel centro storico con edifici eleganti ricchi di fregi e ornamenti e modeste casette in pietra trachitica.

Come arrivare a Padria:

In auto:
- da Cagliari si percorre la SS 131 verso Oristano , si prosegue per Macomer e poi sulla SS 292 per Bonorva e Pozzomaggiore fino ad arrivare a Padria.
- da Sassari si percorre la SS 131 fino ad arrivare a Bonorva e Pozzomaggiore fino ad arrivare a Padria.
- da Oristano si percorre la SS 131 in direzione Macomer, si prosegue sulla SS 292 per Bonorva e Pozzomaggiore fino ad arrivare a Padria.
- da Nuoro si percorre la SS 129 in direzione Macomer, si prosegue poi sulla SS 131 e sulla SS 292 per Bonorva e Pozzomaggiore fino ad arrivare a Padria.

La Storia:

Padria durante il periodo medievale apparteneva alla curatoria di Caputabbas, nel Regno giudicale di Torres. Nel 1272, finito questo Stato, divenne un possedimento privato dei Doria. Nel 1323 diventò nominalmente un paese del Regno di Sardegna, ma di fatto continuava ad essere un possedimento dei Doria. Nel 1383 entrò a far parte del Regno di Arborea. Alla morte di Brancaleone Padria passò al figlio Nicolò che lo mantenne fino al 1436 quando venne cacciato dalla fortezza di Monteleone. Padria entrò quindi a far parte del Regno catalano-aragonese di Sardegna e venne concessa in feudo Pietro de Ferraria, che la unì alla baronia di Bonvehì. Il paese passò quindi a Isabella de Ferraia e alla sua morte a Bernardino de Cervellòn. All´estinzione della famiglia Cervellon, Padria venne devoluta al Fisco. Dopo una contesa giudiziaria il paese venne riconosciuto a Isabella de Cervellon; alla sua morte venne ereditato dal figlio Pietro Manca Guiso. Nel 1790, alla fine di un´altra contesa giudiziaria Padria venne acquisita da Maria Maddalena Manca Guiso, sposata con un Amat e rimase alla famiglia fino al riscatto del 1838. Padria appartiene alla Diocesi di Alghero-Bosa.

 

Multimedia

Vedi la Galleria Fotografica