Questo sito utilizza cookie anche di terze parti tecnici, di profilazione e di marketing, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più Cookie Policy. Per visionare l'informativa completa relativa al trattamento dei dati CLICCA QUI Per Continuare la navigazione devi acconsentire all'utilizzo dei cookie.

Scoprire la Sardegna.NET

By SARDINIA PORTAL WWW.SARDINIAPORTAL.COM
Carattere

Milis

Milis è un comune della provincia di Oristano, ricadente nella storica regione del Campidano di Oristano, nella Sardegna occidentale. Confina con i territori di Bonarcado, Seneghe, Narbolia, Tramatza, Bauladu e Paulilatino. Situato ai piedi della splendida catena del Montiferru, possiede un territorio ricco di coltivazioni che garantiscono una produzione agricola di eccellente qualità.

Come arrivare a Milis:

In auto:
- da Cagliari si percorre la SS 131 in direzione Oristano, proseguendo poi per Santa Giusta e Bauladu fino ad arrivare a Milis.
- da Sassari si percorre la SS 131 in direzione Oristano, proseguendo poi per Santa Giusta e Bauladu fino ad arrivare a Milis.
- da Oristano si percorre la SS 131 passando per Santa Giusta e Bauladu fino ad arrivare a Milis.
- da Nuoro si percorre la SS 131 in direzione Oristano, passando poi per Santa Giusta e Bauladu fino ad arrivare a Milis.

La Storia:

Durante il Medioevo Milis apparteneva alla curatoria di Campidano di Milis, di cui fi anche capoluogo, nel regno giudicale di Arborea. Nel 1410 Milis diventò un paese del Regno catalano-aragonese di Sardegna, e fu incluso nel marchesato di Oristano curatoria concesso a Leonardo Cubello.
All´estinzione dei Cubello, Milis fu acquisito da Leonardo de Alagon a cui fu poi in seguito conquistato per ribellione nei confronti del vicerè. Dopo la battaglia di Macomer de Alagon si diede alla fuga, ma venne poi imprigionato a Jativa fino alla sua morte. Nel 1479 il paese diventò un feudo del Patrimonio Reale, mentre in seguito entrò a far parte del marchesato d´Arcais, sotto il potere del feudatario Nurra. Alla sua morte il feudo venne ereditato dal nipote Francesco Flores che lo mantenne fino al riscatto del 1838. Milis appartiene alla Diocesi di Oristano.

 

Multimedia

Vedi la Galleria Fotografica