Questo sito utilizza cookie anche di terze parti tecnici, di profilazione e di marketing, per inviarti pubblicitÓ e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di pi¨ Cookie Policy. Per visionare l'informativa completa relativa al trattamento dei dati CLICCA QUI Per Continuare la navigazione devi acconsentire all'utilizzo dei cookie.

Scoprire la Sardegna.NET

By SARDINIA PORTAL WWW.SARDINIAPORTAL.COM
Carattere

Tiana

Tiana Ŕ un centro della provincia di Nuoro, nella regione del Mandrolisai, nella Sardegna centrale. Confina con i territori di Austis, Sorgono, Tonara, Desulo, Ovodda e Teti. Il centro, adagiato a circa 480 metri d'altitudine, posside un varigato territorio in cui la zona montuosa del Gennargentu si alterna a una vasta zona collinare. Ricco di una folta vegetazione costituita da boschi di lecci e sughere, Ŕ attraversato dai fiumi Tino e Torrei. Tiana fa parte del Parco Nazionale delGolfo di Orosei e de Gennargentu.

Come arrivare a Tiana:

In auto: - da Cagliari si percorre la SS 131 in direzione Sanluri , passando per Sanluri, proseguendo per Laconi, Sorgono e Tonara fino ad arrivare a Tiana; - da Sassari si percorre la SS 131 in direzione Macomer, passando per Silanus e Ottana fino ad arrivare a Tiana. - da Oristano si percorre la SS 131 passando per Paulilatino, Ghilarza e Tadasuni, proseguendo sulla SS 128 fino ad arrivare a Tiana.>br> - da Nuoro si percorre la SS 389 in direzione Fonni, si prosegue sulla SS 128 passando per Ovodda fino ad arrivare a Tiana.

La Storia:

Durante il Medioevo Tiana apparteneva alla curatoria di Barbagia di Ollolai, nel regno giudicale di Arborea. Nel 1324 venne istituito il Regno catalano-aragonese di Sardegna, dapprima alleato e poi nemico del Regno di Arborea. Nel 1420 Tiana entr˛ a far parte del Regno di Sardegna e pass˛ sotto il diretto controllo del re fino al 1461 quando venne acquisito dai Cubello. Nel 1471, estinti i Cubello e fino al 1477, pass˛ a Leonardo de Alagon. Nel 1479 il feudo venne concesso a Pietro Pujades e nel 1504 a Matteo Arbosich; alla sua morte l'incontrada di Austis, di cui Tiana faceva parte, venne devoluta alla Corona che l'affid˛ poi al Ricevitore del Riservato. Nel 1719 il paese fu assegnato ai Manca Guiso. Nel 1720 il Regno di Sardegna pass˛ alla Casa Savoia e nel 1788 agli Amat, che lo mantennero fino al riscatto del 1838. Tiana appartiene alla Diocesi di Oristano.

 

Multimedia

Vedi la Galleria Fotografica