Questo sito utilizza cookie anche di terze parti tecnici, di profilazione e di marketing, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più Cookie Policy. Per visionare l'informativa completa relativa al trattamento dei dati CLICCA QUI Per Continuare la navigazione devi acconsentire all'utilizzo dei cookie.
Privacy e GDPR da cosa partire per adeguarsi
foto
Con l´entrata in vigore del GDPR regolamento (UE) n. 2016/679 in materia di privacy la protezione dei dati ha assunto un ruolo di primaria importanza. La modalità con cui è concepito il regolamento non è basata sul concetto degli adempimenti minimi a cui tutti eravamo abituati. Infatti si era soliti interagire con una tipologia di leggi che ci seguivano passo passo e ci portavano ad avere uno standard minimo di protezione. Le diverse tipologie di dati e le diverse modalità di trattamento hanno portato il leggiferatore a dare “carta bianca” ai diversi soggetti relativamente le modalità di trattamento e protezione dei dati con l´unica prescrizione il dato dev´essere protetto. Questa situazione ha creato molto disorientamento e preoccupazione da parte dei titolari del trattamento dei dati in virtù soprattutto delle sanzioni in caso di violazioni. In tanti hanno cercato di stabilire uno standard di protezione degli apparati magari seguendo la direzione tracciata da un´azienda simile. Purtroppo questa direzione, almeno dal nostro punto di vista, rappresenta la peggior soluzione possibile soprattutto perchè si rischia di aver creato un sistema di trattamento e protezione non conforme con la propria situazione e quindi aver magari utilizzato una serie di accorgimenti che potrebbero addirittura essere compromettenti.
Altri hanno cercato la soluzione in Internet, seguendo le indicazioni fornite da alcuni esperti nel settore oppure basandosi su diverse teorie diffuse su social e forum. Purtroppo anche questa situazione rischia di lasciare notevoli criticità legate al trattamento e alla protezione. Altri ancora convinti che per essere conformi sia sufficiente aggiornare le informative sul trattamento hanno optato per seguire esclusivamente questa soluzione. Purtroppo nessuna delle situazioni precedenti porta a una configurazione di uno standard adeguato nella gestione e protezione dei dati. Il consiglio che si vuole dare è quello di procedere, in primis, a un´analisi dettagliata delle tipologie dei diversi dati che vengono trattati, dei collaboratori (interni ed esterni) e dei dipendenti che trattano i dati, delle apparecchiature utilizzate per il trattamento e la conservazione dei dati, del grado di sicurezza degli apparati aziendali e soprattutto dei rischi relativi alla modalità di gestione soprattutto dal punto di vista informatico. Si consiglia comunque di rivolgersi a degli esperti in materia di privacy e in particolare a esperti in materia di analisi del rischio sia fisico che telematico.
 

 

Nota Bene: Le notizie presenti nel sito hanno carattere e finalità puramente informative. La Sardiniaportal Srl, o chi per lei, non fornisce alcuna garanzia o assicurazione in merito e non è pertanto da considerarsi responsabile per situazioni particolari legate alle indicazioni progettuali e alle offerte proposte dalle attività promotrici.